VISTA 10114

Il saldo prezzo resta in deposito al Notaio fino al passaggio di proprietà

Venditore pagato non più alla firma dell’atto di compravendita ma solo dopo la sua trascrizione su richiesta dell’acquirente

L’approfondimento di questa settimana è dedicato alle novità introdotte dalla legge per il mercato e la concorrenza sul conto deposito nelle vendite di immobili. La legge 4 agosto 2017 n. 124 ha previsto l’utilizzo da parte dei notai di un conto dedicato alla gestione dei pagamenti nelle vendite immobiliari su richiesta della parte interessata.

Tutela dell’acquirente

La novità introdotta dal legislatore tutela l’acquirente evitando che quest’ultimo possa incorrere nella sgradita sorpresa, dopo aver pagato, di vedere apposta un’ipoteca o altro gravame sull’immobile acquistato, nel periodo tra la data del rogito e la data della trascrizione. Infatti, a seguito della nuova disposizione potrà stabilirsi che il venditore sia pagato non più alla firma dell’atto di compravendita, ma solo dopo la sua trascrizione. La trascrizione avviene mediante la presentazione di una nota, da cui risultano gli estremi dell’atto immobiliare. Una volta eseguita la trascrizione del contratto e constatata l’assenza di pesi e gravami sull’immobile acquistato, il notaio svincolerà le somme depositate a favore del venditore dell’immobile. Rimane possibile che le parti prevedano che il corrispettivo pagato per la vendita sia sbloccato e versato solo dopo una determinata condizione. In questo caso, il notaio potrà svincolare il prezzo a favore del venditore, solo tenuto conto del verificarsi dell’evento.

Somme vincolate

Le somme del conto dedicato costituiscono patrimonio separato. Tali somme sono escluse dalla successione del notaio (e dal suo regime patrimoniale della famiglia) e sono impignorabili a richiesta di chiunque. È impignorabile anche il credito al pagamento o alla restituzione delle stesse somme. Il notaio può disporre delle somme vincolate solo per gli specifici impieghi per i quali sono state depositate e ha l’obbligo di mantenere la documentazione di tutte le operazioni svolte.

Interessi maturati

Le somme versate nel conto deposito sono destinate all’acquirente e non possono essere utilizzate in altro modo. Si tratta di somme con un vincolo di destinazione, mentre per gli interessi maturati sul conto si applicheranno altre regole che avvantaggiano lo Stato. Infatti, gli interessi maturati sul conto di deposito sono destinati al fondo di credito agevolato per i finanziamenti alle piccole e medie imprese, al netto delle spese e delle imposte relative al conto corrente. Tali interessi sono calcolati tenendo conto del periodo di deposito del denaro tra il giorno della sottoscrizione del rogito e la data della trascrizione. Pertanto, gli interessi maturati non possono essere trattenuti a vantaggio del notaio.

Spese e tributi

Nel conto corrente vincolato allo scopo di salvaguardare l’acquirente dovranno essere versati non solo il prezzo dell’immobile, ma anche gli importi per il pagamento delle imposte dovute allo Stato. La legge prevede che il notaio deve ricusare il suo ministero se le parti non depositano antecedentemente o contestualmente alla sottoscrizione dell’atto, l’importo dei tributi, degli onorari e delle altre spese dell’atto, salvo che si tratti di persone ammesse al beneficio del gratuito patrocinio. Il notaio può recuperare dal conto dedicato, dopo aver diligentemente redatto uno specifico prospetto contabile, le somme dovute a titolo di tributi per i quali è sostituto o responsabile d’imposta, e comunque le spese anticipate  con fondi propri.

Articoli correlati

Versione 2

Milano in first class

La città dei contrasti/ II centro Da Brera a Citylife la Milano che vive in first class I nuovi quartieri fanno da traino al mercato di lusso: 10mila euro al metro quadro e servizi top ORIANA LISO Undici milioni per un attico con superattico di 750 metri quadri in un palazzo d’epoca in piazza Oberdan, a Porta Venezia. Poco più di due per un plurilocale di 255 ipertecnologici metri quadri nelle residenze Hadid, a Citylife. Sono le case cosiddette “first class”, quelle che valgono più di un milione di euro e che superano agilmente i 10mila euro al metro quadro. […]

(continua a leggere)
DSC_0351

Per chi acquista “prima casa” senza aver venduto la propria

Molti credono che si possa acquistare una “prima casa” avendo un anno di tempo per vendere la propria. La Legge in effetti lo prevede ma ad una condizione che non tutti sanno e cioè che la casa acquistata in precedenza lo si sia fatto sempre con le agevolazioni “prima casa”. Questa è una condizione essenziale, senza la quale questa possibilità non si può esercitare. Se l’acquisto precedente è stato fatto come “seconda casa”, od anche solo se si è ricevuta in eredità o donazione bisognerà alienare l’immobile PRIMA della data dell’atto assolutamente. Immobiliare Centro

(continua a leggere)
IMG_4618

Noi la casa te la trasformiamo da così…a così!

Succede spesso che un cliente non compri una casa “datata” per evitare lo “stress” dei lavori di ristrutturazione e per la mancanza di tempo a seguire gli stessi. La nostra società grazie ad oltre 30 anni di esperienza è particolarmente organizzata per “accompagnare” i propri clienti durante tutto il percorso di ristrutturazione del proprio immobile, affiancandogli i migliori professionisti e le migliori imprese sul mercato. Accompagniamo il cliente passo dopo passo, dalla progettazione alla scelta dei materiali, dall’assistenza dei lavori fino alla consegna dell’immobile.

(continua a leggere)
IMG_0854

Hai un appartamento da affittare o già affittato? Entra a far parte dei nostri amministrati!

Specializzati nella gestione degli immobili in affitto da quasi 40 anni sono ormai oltre 500 le unità immobiliari di cui curiamo la gestione in Novara e Milano. Ci occupiamo della valutazione dell’immobile da mettere sul mercato alla cifra massima realizzabile, lo pubblicizziamo sui giornali e su oltre 30 portali internet oltre che sul nostro sito, reperiamo tutte le informazioni e le referenze sugli eventuali interessati da sottoporre alla proprietà, facciamo documentazione fotografica per avere lo stato di fatto al momento della locazione in modo da verificare eventuali danni nel momento della riconsegna, ci occupiamo della stesura dei contratti e di […]

(continua a leggere)
DSC_0612

Cedolare secca anche in foresteria

I giudici tributari impongono la correzione di rotta: la foresteria è un contratto cui si può applicare la cedolare secca! La pronuncia n° 470/03/14 viene dalla commissione tributaria provinciale di Reggio Emilia che richiamandosi semplicemente alla legge ha imposto il riconoscimento della tassa a forfait anche quando l’inquilino dell’immobile è un impresa che lo affitta per suoi dipendenti. (Fonte sole 24 ore) Grande vantaggio questo per i proprietari di casa che prima potevano godere di questo beneficio solo affittando a “privati”

(continua a leggere)
DSC_0129

Comprare una casa da ristrutturare conviene!

Con le agevolazioni ancora in essere per tutto il 2014 del 50 % di recupero fiscale sulle spese per lavori edili sostenute e del 65% per i lavori a risparmio energetico (tipo serramenti…), ristrutturare casa è sempre più conveniente!Oggi i veri affari si fanno comprando appartamenti in palazzine ben tenute degli anni ’70/’80 o anche precedenti, per le quali si riesce spesso ad ottenere un ottimo prezzo, trasformandole in qualcosa di unico ed affascinante.Molti clienti non hanno  voglia di seguire tutti i prestatori d’opera, i fornitori di materiali, i professionisti perchè questo richiede molta perdita di tempo e notevole “stress”. […]

(continua a leggere)
certificazione_energetica110

Hai fatto la certificazione energetica al tuo Immobile?

Vediamo ora di elencare dettagliatamente tutti i casi in cui oggi il proprietario di un edificio o di una unità immobiliare è obbligato a certificare il proprio immobile. La Certificazione Energetica di un immobile è obbligatoria quando: 1. il proprietario, avendo deciso di vendere o affittare il proprio immobile, deve pubblicare un annuncio economico, un annuncio immobiliare od esporre un cartello pubblicitario; in questi casi il proprietario dell’immobile deve dichiarare la classe energetica e l’indice di prestazione energetica. Attenzione ! In quanto la norma non fa distinzioni e quindi l’obbligo si applica a qualsiasi tipo di annuncio, quindi a quelli […]

(continua a leggere)